Islanda: acqua fuoco ghiaccio

Home/Islanda: acqua fuoco ghiaccio

Una terra di opposti, l’Islanda, un vero Giano bifronte. Estati lunghissime in cui il sole non tramonta mai ed inverni dalle giornate corte e pigre. Ghiacciai che si estendono fino al mare e pozze bollenti e geyser che sparano acqua e vapore a 30 metri di altezza. Immergetevi nell’acqua a 40 gradi della laguna blu mentre fuori è tutto neve e ghiaccio. Passate dai quieti laghetti vicino ai ghiacciai alle violente ondate dell’atlantico settentrionale.
E, proprio mentre guardate questo mare grigio che si confonde con il cielo, provate ad immaginare la forza ed il coraggio dei primi abitanti: i vichinghi. Con barche primitive affrontavano queste acque e da loro derivano gli attuali abitanti dell’isola. Sono solo 340 000 gli islandesi, ma sono molto organizzati ed avanti nella ristorazione e nell’ospitalità.
La cucina è basata soprattutto, ma non esclusivamente sul pesce; questo lo potrete gustare servito al porto in ristoranti sul molo chiassosi ma accoglienti, che ricordano altri tempi, ma anche in locali “gourmet” dove la raffinatezza del piatto si associa ad un design degli ambienti scandinavo. E’ infatti forte l’influenza dell’architettura scandinava su tutta l’ Islanda, che a mio parere si esprime al massimo nel labirinto di trasparenze dell’ auditorium.
E dopo cena che ne direste di andare a vedere l’aurora boreale, che è forse il vero motivo che vi ha portato qui, a 5 ore di volo dall’ItaliaISLANDA

Scrivi un commento